E dopo le ore di scalo a Bangkok, eccoci pronti per il primo giorno a Vientiane, la capitale del Laos.

VIENTIANE: IL TEMPIO DI SI SAKET

Il centro città mostra chiaramente l’influenza della colonizzazione Francese, sia nell’architettura che nelle strade… è ora di spostarci per cercare la vera anima di questo Paese.
La visita della città ci impegna mezza giornata trascorsa tra un tempio e l’altro.
Il più caratteristico è certamente quello di Si Saket con le sue migliaia di statue del Buddha allineate nel chiostro.

In un piccolo lembo di parete, alle spalle delle statue, è stato applicato uno strato di colore…non riesco neanche a immaginare come doveva essere vivace in origine!!!

VIENTIANE: VERSO IL XIENG KHUAN – BUDDHA PARK

A bordo di un Tuc Tuc, prendiamo la strada per il Buddha Park e finalmente ci sentiamo immersi nel vero Laos: le strade gremite di motorini, talvolta con intere famiglie a bordo, i piccoli bazar affacciati sulla strada ed i chioschetti che preparano cibo a tutte le ore.

Vientiane

E poi eccoci al Xieng Khuan, detto Buddha Park, una collezione di statue veramente particolari: alcune richiamano il Buddismo, altre l’iconografia propria dell’induismo.
Pare che l’artista abbia creato queste opere, in alcuni casi dalle dimensioni veramente monumentali, ispirato dall’insegnamento di un saggio ed il risultato è veramente spettacolare!!!

La cosa più divertente è stata salire sulla gigantesca sfera in cemento che domina il Buddha Park. Si accede dalla bocca di un demone, poi si cammina fino a trovare delle ripidissime scalette che portano al livello superiore e si procede attraverso ogni lugubre livello fino in cima…la vista dall’alto è davvero mozzafiato!!! 

VIENTIANE SULLE RIVE DEL MEKONG

Tornati a Vientiane ci siamo goduti una passeggiata al tramonto sulla riva del Mekong. Affollatissima: famiglie a passeggio, bambini che giocano e tantissime ragazze che facevano ginnastica all’aperto incitate dall’istruttrice e spronate da una fortissima musica martellante…mi è venuta voglia di mettermi a ballare con loro, ma il caldo ha avuto la meglio!!!

Vientiane Mekong

GLI ALTRI TEMPLI DI VIENTIANE

Può mancare una giornata dedicata al misticismo in una capitale Buddista? Ovviamente no!

E se il primo giorno ci siamo dedicati ai templi più vicini… In sella al nostro scooter rosa fiammante, riusciamo anche ad allontanarci dal centro e fare chiacchierate molto stimolanti!
Un giovane monaco buddista, ad esempio, ci spiega che lui, come tanti altri ragazzi, non è ancora Monaco e forse non è neppure interessato a proseguire su quella strada…. Sta soltanto seguendo la scuola buddista: al termine dei 4 anni di studio deciderà se proseguire sulla via del monachesimo….. Insomma un modo per avere una buona istruzione a basso costo!

Vientiane Monaco Buddista

Ma torniamo ai templi… Tratto comune di tutti: i colori sgargianti! All’esterno predominano rosso fuoco, verde e giallo acceso…. 

Mentre all’interno le sfumature del giallo la fanno da padrone…. È una quiete che concilia la meditazione anche a noi non buddisti!

A tutte le ore troviamo qualche fedele che porta doni al tempio, fuori da ciascuno infatti pullula di banchetti che vendono le caratteristiche offerte votive: foglie di banana intrecciata, fiori, incenso…. Ma vengono lasciati anche frutta e generi alimentari di ogni tipo!

I nostri giorni a Ventiane sono terminati… Ci aspetta un lungo viaggio tra le strade tortuose dei monti che separano Ventiane da Luang Prabang.

Author

Nella vita lavoro in un istituto di credito ma la mia vera passione è viaggiare. Soffro di mal d'Asia, amo la parte orientale del mondo e sono una visitatrice compulsiva di Chiese. Qui racconto le emozioni dei miei viaggi, quelle che mi fanno sorridere ogni giorno.

Write A Comment